venerdì 22 novembre 2013

“Much Loved” una raccolta per il cuore

Chi da bambino non ha avuto un peluche, alzi la mano!
Credo che siano davvero in pochi quelli che possono affermare di non aver avuto mai un soffice pupazzo di stoffa come amico e compagno di giochi.
Io l'ho avuto, e prima della piccola Bollicina, di cui vi ho parlato qui (che non era un vero peluche, bensì un piccolo coniglietto di plastica rosa), c'era stata Rosellina.
Un orsetto giallo limone (si avete capito bene, giallo limone XD), di circa 15 cm, regalatomi per un compleanno dalla mia nonna materna.
Gli ero molto affezionata, come tutti i bambini lo sono nei confronti dei loro inanimati amici d'infanzia.
E' proprio su questa consapevolezza che si basa l'idea del fotografo e ritrattista irlandese Mark Nixon, che nella sua raccolta fotografica intitolata “Much Loved” ha riunito una serie di scatti fotografici in cui sono ritratti i tanto cari peluche.
Una tenera e nostalgica collezione, in cui i soggetti sono: orsi, cagnolini, giraffe, conigli, ecc., fotografati in modo da mettere in evidenza il loro vissuto.
Deteriorati dal tempo, rammendati con toppe, con strappi malamente ricuciti, alcuni con un solo occhio o con parti del corpo mancanti, a raccontare il loro passato fatto di "amorevoli abusi".


"L'idea del progetto - racconta Nixon - è nata guardando mio figlio Calum giocare con il suo coniglietto Peter, mi ha ricordato il mio Panda quando ero piccolo. Così ho pensato che sarebbe stata una bella mostra per la mia galleria".

Peter Rabbit
Anni: 10
Altezza 16''
Proprietario: Calum Nixon

Teddy
Anni: 77
Altezza: 19''
Proprietari: Mark Nixon e Calum Nixon

"When everything was unknown, they were there. 
Where anything could happen, they were there. 
These repositories of hugs, of fears, of hopes, of tears, of snots and smears. 
Alone at night, they were the comforters, when monsters lurked in darkened corners, when raised voices muffled through floors and walls. 
These silent witnesses, these constant companions, defenders of innocence. 
Their touch, yes, but their smell, that instantly calming, all embalming musk, unique to each, soothing and smoothing the journey from consciousness to un, from purity to im, from infancy to adult-terre. 
Sworn to secrecy, unconditionally there, unjudgementally fair and almost always a bear."
Mark Nixon


Il fotografo ha deciso poi di estendere la ricerca coinvolgendo più persone (chi non ha un peluche dopotutto?), chiedendo ai propri clienti di portargli i loro compagni d'infanzia per poterli fotografare ed inserire nella raccolta.
Ad oggi l'artista ha collezionato circa 140 ritratti, alcuni dei quali li potete visionare nel suo sito.

 Brownie
Anni: 30
Altezza: 12''
Proprietario: Jenny Slattery

Bunny
Anni: 9
Altezza: 9''
Proprietario: Ben Bracken

 Pink Teddy
Anni: 24
Altezza: 13''
Proprietario: Aisling Hurley 

Ted
Anni: 24
Altezza: 9''
Proprietario: Helen Lyons

Circa un mese fa Nixon ha pubblicato anche  il libro "Much Loved" che prende il nome dall'omonima raccolta, in cui si possono osservare i 65 scatti da lui selezionati.
Ogni foto è accompagnata da una didascalia che ci dice, come una sorte di carta d'identità, nome, età e altezza dei protagonisti, a questa è poi aggiunta una breve storia che ci racconta il vissuto di ognuno di loro.
Tra questi potrete trovare anche "pupazzi famosi" come "Teddy", compagno di Rowan Atkinson, in arte Mr Bean, nel suo show televisivo.

Cosa ne pensate di questa raccolta?
E voi? Avevate un peluche come amico? Se vi va descrivetelo nei commenti ^__^

22 commenti:

  1. È una raccolta dolcemente inquietante! Tutti quei pupazzi malandati mi ispirano tenerezza, ma anche tanta paura D: Ho una certa quantità di peluches, li adoro e non vedo l'ora di avere una casa solo mia dove poter dedicare una stanza solo a loro *___*
    (tra l'altro dormo ancora con i miei soffici amici, riparano dal freddo e confortano quando ho brutti sogni...cioè tutte le notti xD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noo dai paura no, solo un po' di tristezza.
      Io ho il letto pieno e ogni notte prima di dormire faccio un mini trasloco XD

      Elimina
  2. Questi pupazzi devono essere stati amati davvero tantio se anche in quelle condizioni non sono ancora finiti nella spazzatura! Anch'io conservo ancora tutti i peluche di quando ero bambina, in una cassapanca a casa dei miei, ma confesso che a volte aggingo ancora qualche nuovo pezzo alla collezione (giusto l'altro giorno ho chiesto a mia madre di prendermi Mike Wazowsky di Monsters&Co. coi punti del supermercato ^^).
    Quand'ero piccola il mio preferito era un orso alto circa 60cm che avevo chiamato "Orsone" (essendo il più grande tra i miei peluche), ce l'ho ancora ma non è così rovinato: ha solo il sedere bruciacchiato perchè anni fa gli rovesciai addosso per sbaglio lo sciroppo della tosse e mia madre dovette lavarlo, ma era inverno e per asciugarlo lo fece appendere a mia nonna sopra la stufa, dove ha avuto un piccolo incidente XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. X'D povero sedere di Orsone
      Grazie per la tua storia :)

      Elimina
  3. teneri loro!!! io ho il mio orsetto a casa, INCELLOPHANATO perchè è il mio amore speciale e non voglio che si rovini/impolveri o quant'altro! ...anche lui è parecchio malandato ma ogni volta che lo guardo mi viene voglia di abbracciarlo <3
    e tu invece? :)
    bacii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto nel post, il mio primo peluche si chiamava Rosellina, era un orsetto color giallo limone, me lo regalò la mia nonna materna per un compleanno.
      Quando ci trasferimmo nella casa nuova (quella dove vivo ora) mia madre la mise tra le cose da buttare >__<
      Ogni tanto glielo rinfaccio ancora >.<
      Dopo di lei c'è stata Bollicina, la sua storia l'ho raccontata in un post (ho messo il link anche in questo post).
      Anche lei purtroppo (per un motivo diverso) ha avuto lo stesso sfortunato destino T^T
      Poi ancora Stellina, un piccolo cagnolino di peluche, lei è ancora con me.
      Per lei mi sono proprio sbizzarrita, le ho fatto un mucchio di vestitini, borsette, di stoffa, ad uncinetto, e anche una casetta in una scatola di scarpe.

      Elimina
    2. sì, avevo letto di Rosellina, era per avere più "dettagli" :) :)
      Stellina sai che anche mia sorella ha un cagnolino di peluche chiamato allo stesso modo? :D
      <3 <3

      Elimina
    3. Solo scrivendo i loro nomi in questo post ho notato che, quelli della mia infanzia, li ho chiamati tutti con nomi che finiscono in "ina"
      Rosellina, Bollicina. Stellina... XD

      Elimina
  4. Ma che carini!!! Anche se quello senza collo è anche inquietante...

    RispondiElimina
  5. Che tenerezza!!! Io ho ancora Fiorestella, un piccolo orsetto celeste da cui non mi separavo mai per dormire, nemmeno in vacanza! Avrà più o meno 28 anni o_O'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io avrei voluto avere Rosellina e Bollicina ancora con me T^T
      Ma qualcuno ci ha messo il suo zampino >__<

      Elimina
  6. Io dormo ancora con i pelouches e li amo tantissimo, quindi questa raccolta di foto mi piace da matti!
    Grazie mille per averne parlato :D
    Non sto a descriverti tutti i miei pupazzi, non finirei più XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh anch'io ora ne ho tantissimi, però quelli dell'infanzia sono stati solo tre: un orso, un coniglio e un cagnolino ^_^
      Grazie a te per il tuo commento!

      Elimina
  7. Che dolce questa cosa! *__*
    Io avevo un orsetto da piccola, era marroncino, non molto grande.
    Durante un trasloco andò perso, ero convinta fosse in uno degli scatoloni assieme agli altri giocattoli però non c'era. Ci rimasi malissimo, piansi per settimane :(
    La cosa che mi fa arrabbiare è che lo portavo sempre con me, e se mentre facevamo i pacchi non avessi deciso di riporlo assieme agli altri, forse oggi lo avrei ancora (in realtà ancora non mi spiego dove sia finito).
    Da allora ne ho avuto qualche altro ma nessuno è riuscito a sostituire il mio Bibu Y_Y

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che storia triste, mi ricorda un po' quella mia con Rosellina, solo che a me fu imposto di buttarla >.<
      E non ne capisco proprio il motivo, dato che era in ottime condizioni Y_Y

      Elimina
  8. Ammetto di avere un sacco di orsi, ma di non essermi mai affezionata da piccola a uno di loro in particolare, infatti sono tutti in perfetto stato, quasi maniacale XD. Cavolo però l'ultimo peluche, Ted, è combinato davvero male! .-. chissà perché è in quel modo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già poverino :'(
      Devono averlo amato tanto o in tanti :)

      Elimina
  9. è incredibile vedere come siano "espressivi" questi pupazzi inanimati se dall'altra parte dell'obiettivo c'è un vero professionista :O

    Anche il mio peluche preferito era giallo! :) Teddy, un orsetto più o meno di 30cm e col pancino arcobaleno e gli occhioni marroni, me lo regalarono i miei durante una vacanza in Calabria, lo acquistammo insieme e quel ricordo è ancora nitido: Teddy se ne stava tutto solo su uno scaffale semi-vuoto... fino a che lo adocchiai e lo portai con me *^-^*
    il mio cane però negli anni successivi di tanto in tanto lo "aggrediva" e se lo mordicchiava tutto...^^' per fortuna lo beccavo sempre in tempo e quindi non è ridotto malissimo, perciò lo conservo ancora in soffitta :D

    Ancora oggi ho molti peluche che mi sono stati regalati dal mio fidanzato <3 in particolare vado fiera delle calze natalizie super morbidose e pucciose che non vedo l'ora di appendere per casa nelle prossime feste! ;D
    PS i traslochi sono i nemici naturali dei giocattoli :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I traslochi e i genitori direi U_U

      Elimina
  10. Trovo questa mostra e questo post molto teneri! *-*
    Anch'io ho avuto nella mia infanzia alcuni peluche a cui sono ancora molto affezionata. Purtroppo non li conservo tutti: qualcuno l'ho perso, altri sono stata costretta a darli via (ebbene sì >-<), altri ancora li ho ritrovati dopo tanto tempo, e da allora non me ne sono più separata. No, non li porto sempre con me, ma soggiornano volentieri nella mia stanzetta ^-^
    In particolare quello, anzi quella, di cui voglio parlare si chiama Candy. Si tratta di un piccolo dalmata di peluche regalatomi, un Natale di tanti anni fa, dalla mia dolcissima sorellina. A quanto lei racconta, avendola vista in un negozio aveva subito pensato a me. E non aveva esitato a spendere i suoi risparmi (per fortuna non tutti) per farmi felice. Dimenticavo di dire che questa generosa bimba si chiama Muriomu.
    Io fui felicissima, forse perché Candy era così carina, o forse perché avevo sempre desiderato un cagnolino, o forse per il dolce gesto di Muriomu.
    Fatto sta che il regalo mi piacque così tanto che ben presto, con la mia sorellina, inventai un gioco chiamato "cucciolovolo", che consisteva praticamente nel prendere al volo la cara Candy. Eravamo piuttosto brave, fino a che in una caduta (e forse in seguito ad altre precedenti cadute) il dolce nasino di Candy si ruppe.
    Ci rimasi malissimo, anche perché sapevo che era tutta colpa mia (e di Muriomu U_U), conservai il nasino per riattaccarlo ma dopo un po' lo persi.
    Per un certo periodo anche la mia Candy finì in garage (stavolta non per colpa mia), poi per fortuna l'ho recuperata e da allora giace comodamente sul mio letto.
    E nel caso ve lo stiate chiedendo, ho imparato la lezione e quindi niente più cucciolovolo ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dolci parole grazie amoore :***

      Però era divertente il cucciolovolo X'DD
      Speravo raccontassi anche la triste storia di Ciccilo.
      Che bambine sfigate siamo state XD (rendiamo grazie a nostra madre U_U)

      Elimina
    2. Ci avevo pensato ma non volevo intristire i tuoi lettori. Dico solo che lui rientra nella categoria "quelli che sono stata costretta a dare via" T_T
      Nonostante tutto Ciccillo resterà sempre nel mio cuore! ♥

      Elimina

♥ Dimmi la tua ♥

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...